I RACCONTI IN DIALETTO


UN SANTORESTESE SORDATU I LEVA…..

Certo che pe chi scappa a prima vota da Santresto, tuttu u monnu è novu pe essu.
Io marecordo quellu giornu che m’è ‘rivata a cartolina pe ghj a fa u sordatu nun vedevo l’ora da partì. Ogni ora atera un anno. I compagni mei che c’erono stati m’areccontavono tante cose che a me un po’ mi piacevano e un po’ nu ne capivo.

Linne a cartolina c’era scrittu che m’evo da presentà lì u carre i Pesaro. Dalli a dimannà a tutti do atera, quantu atera lontanu, e co che se ci ghjva.

Bisognava pighjà u trenu a Roma. Parabisu che io sapevo legge pocu, evo sempre paura che mi fregavono, che volevano pighjà burla i me e po ridici sopre.
So itu pure laddi grabinieri pe fammi di quellu che evo da fa.

A matina appete aghjo piatu l’atobusse e so itu a Roma. Pe rivà sunne a stazione aghjo passatu e pene dell’infernu, evono fattu sciopero i tranvetti, ogni tantu passavono certi camioncini che ghjamavono camionette co unu decreto che strillava “stazione termini” : so montatu su e lì dentro fighj d’Iddio stiamo nsiertati cumo e l’aghj, chi mi sbatteva di ca e chi di là, nun vedevo l’ora da rivà.

Linne a stazione mi so messu a cercà u trenu, cennerono tanti che mes’era confusa pure a capoccia. Diranno a un fregnu che steva lì rittu qualu atera u trenu pe ghj a Pesaro: m’aresponne binariu sette, mi metto a contà, quanno atero rivatu a sette u trenu nun c’era. Eva da rivà, perché c’erono pure l’atri signori a spettà.

Appena è rivatu so montatu su e dopu tre o quattrore i sciattamentu u trenu s’è fermatu: ateriamo rivati. Pighjo a cassetta che mamma m’eva preparatu, me c’eva messu dentro un pollastru arrostu, una diecina i ova lesse, quache ciammella c’u levitu e una pagnotta i pane. Scentu a terra, mi si presenta denanzi un sordatu tuttu rabbiatu: “Dove vai?” mi disse, “Al Care” risposi. “Sali sopra a quel camion, ti accompagnamo noi”.

Lì dentro eriamo una diecina i giuvinotti, tutti zitti, pareva che ci portassero carcerati. Dopu un po’ unu mi fa: “Da dove vieni?” “Da Santresto” l’aresposi “Che è un paese?” “E bè c’atè un trattore? E tu da do venghj?” “Da Roma” “Allora simo quasi paesani perché Santresto sta lì a provincia i Roma”.

Fatti un po’ i chilometri rivemo linne a caserma, lì dentro c’era una confusione che mi pareva da sta a commeghja: certi sordati ropono u sportellu decreto du camiu e ci scargono ghjò cumo e vacche linne a mazzatora. Ci mettono in fila e quellu sordatu sempre rabbiatu ci cumincia a ‘nsurtà: eriamo tutti cumo e panemmolle, neriamo boni a niente. Io dico a unu lì vicinu a me: “Ma questu che vò?”- “Zittu” mi dice quellu, “E’ il caporale di giornata” – “Enbè che vò? Mica emo robbatu che ci tratta così!”.

Ci ‘ccompagnono su a camerata e li dentro ci consegnono e linzola co e coperte. Subbitu ci mettono arefà u lettu. Io so capitatu vicinu a unu che seva da congedà e tante cose e sapeva. Pe primu me se magnatu tutta quella robba che tenevo dentro a cassetta, e io cume un pappagallone so statu a guardà; pe secunnu a sera appete ma fattu a caetta che consiste da buttatti una caetta piena i acqua sopre a capoccia fracianno pure e linzola e tuttu u lettu.

Pe terzu m’arefaceva fa pure u lettu suo a matina, senza po contà quante voti so statu a ramazzà pe contu dell’atri. Atero propriu tontu…!! Questu i primi giorni, doppu l’aafare è cambiatu perché una matina un maresciallu cercava i zappatori, e io mi so subitu presentatu, mi credevo che questu fregnu c’eva da zappà l’ortu, invece si trattava da ghj a mette ritti certi bammocci i cartone pe sparalli addossu quanno iamo da fa i tiri co u stioppu.

Lì cumo Dio a volutu si campava, nun ti ‘ngnuriava nisciunu, bisognava solu lustà quelli bammocci e turà i buci chevono fattu i sordati co u sparà.

Ci so statu quasi un annu finu che mi so congedatu; all’utimu quasi commannavo pure io pe quantu m’ero fattu furbu: tantu furbu che dentro u zainu me c’evono lasciatu solu certe cacatelle i sorge: m’evono ‘rrobbatu tuttu.


HOME | CONTATTI | CHI SIAMO

E-MAIL: zozifra@hotmail.com

Website design by Carlo Portone © 2007-2012
Sito ottimizzato alla risoluzione di 1024x768 pixel