I RACCONTI IN DIALETTO


I SAPUTONI

Io nun sapevo che quanno unu ghjva a bità fora u paese diventava ‘struitu: armenu u stemo vedendo chì a Santresto quanno atè l’istate.

Parecchi paesani frustieri vengono a passà u mese de ferie in quella casa do so nati. I primi giorni si vanno braccicanno tutti pe a contentezza d’arevedelli, dimannono quellu che si fa e cumo vanno e cose, po se ti metti a sentilli, quasi quasi, nun l’areconosci da cumo parlonobè e quante cose hanno imparatu.

Se te ci metti a pensà, a noi che stemo tuttu l’annu cassù, un mugghju i cose ci fugghjono via, essi invece lumono tuttu, pure l’uoghj de puccie. Chi hanno fattu sindicu? Quellu…..u fighju i cosu….da razza…-

Certo che site stati tonti, cenerono tanti meghjo, allora mo ci vorria che li ghjssi a dì perché nun fa sta zitti i munelli u giornu, che io nun pozzo dormì.

Macara doppu si vè a sapè che bita a Roma vicinu a una remessa i tranvetti. Mo u paese sta messu bè, però sarria statu meghjo che anzi du cimentu cevono messu u quatrame.

Linne a Portaladentro ci vorrai da portà via tutta quella munnezza vecchia. Chi u dice magara, so anni che nun vede u munnezzaru, nun sa nemmenu se ci sta più.

Bisognerai, dicon pure, cagnà tuttu l’organicu (?) dei diversi enti paesani, falli esse attivi, senza sapè magara, quellu che questi uffici hanno fattu in quell’atri undici mesi dell’anno e noi sarissimo stati a dormì cumo i ghiri e nun ci simo accorti i niente. ‘nsomma fanno i sapienti, ci danno i consighj e chi se vistu se vistu: tira un po’ i tramontanella, fischiono i fili e essi se ne vanno a Roma a trovà u callu.

Chi aremane a tribulà? Aretocca a noi! Allora lascetici sta cumo stemo; a sbaghjà simo boni pure soli. Vorrio un po’ vedè ‘sti frustieri, quellu che so boni a fa: a dì, simo tanti, a fa pochi.

Si staria tantu meghjo se ci farissimo ogniunu l’affari nostri, invece, unu vo passà sopre all’atri. Un fattu atè sicuru: a matina quanno ci rizzemo, simo sempre in doi, unu pe fregà e un atru pe aremanè fregatu.

Io nun saccio in quale parte stemo noi che arimanemo in questi quattro sassi.


HOME | CONTATTI | CHI SIAMO

E-MAIL: zozifra@hotmail.com

Website design by Carlo Portone © 2007-2012
Sito ottimizzato alla risoluzione di 1024x768 pixel