I RACCONTI IN DIALETTO


PASQUA....PASQUETTA....E PASQUETTINA

Pasqua, festa granne, festa i Gesù, festa dei monelli. Se mi metto arepensà quellu che atera una vota a festa i Pasqua mi ve da piagne. Io marecordo da bardasciu, che tutte e cose si facevano co a devozione. Guai se si magnava qualche pezzu i cacchiatella prima che fussi passatu u prete a benedice e case; e po’ quanno passava tutti in ginocchju si dicevano l’orazioni.

Si ammanniva tutta a roba sopre u tavulinu: l’ovu lessu, a cacchiatella e a pizza scacciata e po’ si spettava che sarenvivavano e campane pe potè fa colazione co a roba benedetta.

Atera Pasqua, festa de monelli, che co e recanelle nun facevano atru che divertissi sapenno da fa derbè sonanno mezzugiornu lanne e ripe dei morticelli pe fa magnà quelli cristiani che stevono fò.

Pe ‘rrivà la e ripe litigavano pe chi eva da sonà e così quanno erano ‘rrivati, invece che mezzu giornu erano le tre. Facevano a litica pe sonà u recanozzu della acchiesa, macara tuttu tarlatu pe a vecchiarda, ma sempre in funzione.

Pe primu si sonava aredutta dei monelli e po quanno aterono tanti si partiva pe ghj a fa a confusione lappe u paese. Ogghje no! Ogghje tuttu atè cagnatu. So sparite e recanelle, è sparita a devuzione, atè aremasu solu l’ovu lessu e pizze che te poimagnà tutti i ghjorni; atè finitu pure quellu ciarlamentu che si faceva lappe u fornu a settimana santa da e femmine quanno scacciavano l’ova; scappavano più ghiacchiere a Pasqua che in tuttu l’anno.

Atera Pasqua festa i Gesù Cristo, si sbovitava a trocca dei peccati dentro u confessionale pulinno l’anima pe fa comunione co a coscienza pulita e u stommicu a digiuno. Oghie no! Oghje senza pensacci dovoti ti ghiempi a panza cumo un pecuru e vai a fa a comunione macara mezzu ‘miriacu.

Che Pasqua atè, se nun ci credi? Iamo ragione noi vecchi da lascià e cose cumo stevono. Se Cristu è risortu pe noi, bisogna che pure noi ci sforzemo a ghjlli a pete, cumo fanno e piante? Dormono una stagione e po a primavera aresorgiono, mettendo i fiori e i frutti. Emo da rinasce pure noi, tutti cagnati, macara pure pure co e scarpe nove.

Sarà pure che oghje tutti si ‘cappono co e fronne soi, ma a superbia cenè tanta. Nunè cumo una vota che a Pasqua vedevi tutti i grugni de i cristiani contenti co a pace dentro u corpu. E’ veru che e cose sempre così nun ponno ghj, matè pure veru che nun ci vo tantu a sta in pace con quellu più vicinu a te.

Quanno simo nati, a tutti cianno datu una croce, questa croce nun li potemo da aunatru bisogna che ciatenemo, ogni unu a soa. Nun facemo cumo quellu che na vota sellera ‘renati l’asinu ghioppe u fossu cargu i ‘mastu e a perticara e nun poteva ghj più.

U Giuvedì santu si facevano e visite ai seporcri, vedevi e famighje ‘ntere zitte zitte a ghj ca e là co a capoccia bassata cumo pe penitenza, senza guardassi unu co unatru. Mo invece, si va li stessu a fa e visite, ma cantanno cumo lipare a capoccia ritta cumo i cirioni pe vedè se si vede qualche ciavarra pe portassala doppu lappe a cappella.

E u venerdì santu? Cumo fai a scordattulu! L’agonia, sunne a la chiesa vedevi mannita sopre a l’artare maggiore co tante frasche i auru, u carvariu, messu Gesù Cristo co di ca e di la i bollatroni e sottu un branchettu i giuvinotti vistiti da farisei che pareva veru quellu che stevono a fa.

Quanno moriva Gesù Cristo, tremava a terra; i troni e i lampi si facevano co u tambulone e i piatti da banna, pareva che si spallava tuttu. Senza ghj a sera a precissione, u oaese era pienu i frustieri pe vedè a precissione i Cristomortu” sopra a bara” a Madonna che piagne, u cirineu che co a catena ‘taccata ghjonne i pieti e u troncu da croce sopre e spalle, pareva che ghjva appete a banna che sonava a marcia funebre, ti vinivono i cricciori da pella arepensà quellu che a tribulatu, tantu a mate quantu u fighju.


HOME | CONTATTI | CHI SIAMO

E-MAIL: zozifra@hotmail.com

Website design by Carlo Portone © 2007-2012
Sito ottimizzato alla risoluzione di 1024x768 pixel