I RACCONTI IN DIALETTO


‘NA PARTITA A PALLONE

Un giornu m’hanno volutut portà a Roma pe vedè ‘na partita i pallone lì u stadiu ‘limpicu. In sumprimu io nun ci volevo mancu ghj, ma doppu, a forza ‘i fa, m’hanno fattu convintu, un po’ pe rivedè Roma, c’aterono diecianni che nun a vedevo più, un po’ pe vedè cumo facevano a giocà co quella cosa tonna che mi pare un cocommuru.

Partimo a domenica versu le dieci (mi so dovutu rizzà presto pe fa quache faccennola che un poru cristianu si lascia pe a festa) e pe strada nun emo trovatu mancu ‘n’anima viva.

Quanno simo rrivati vicinu u campu, ci simo trovati tanti cristiani denanzi quantu un sciame ‘i lapi: strillavono cume l’anime dannate, parevano tutti matti.

Chi correva di cà e chi di là, pareva che li ghjssi appète quachitunu c’un frustone. Cumo Dio ha volutu, ghjellemo fatti a boccà drento un cosu fattu a ciammella, do ‘nmezzu c’era ‘na pretarina co un’erba bella verde, c’u ghjamavono u stadiu.

“Sa che bella magnata che si fariono ‘e vacche mei” -faccio tra me- “ E cumo si leccheriono i baffi co quella secca che ci sta suppi terreni nostri!”.

Do areggiravi l’occhj c’erono i cristiani: ce n’erono tanti tanti, quanti in vita mea nun evo vistu mai ‘mucchjati tutti ‘nseme, mancu u giornu da Madonna ‘i Maggiu.

Quanno so bboccati i giocatori, nun vi dico che finimunnu è successu. ‘Ncuminciono a da e zampate a un cosu tonnu che arembarzava.

Tuttu’un bottu si rrizzono tutti ritti strillanno, biastimanno e facendo l’attacci contro un fregnu vestitu tuttu i neru che io mi credevo che ghjssi a funerale e ‘nvece ogni pocu fistiava cusì forte che u sentiamo pure noi che stiamo distante da essu.

Quanno fistiava tutti quelli in mutanne ( nun si vergognavono pe gnente co tutta ‘lla gente che ‘i steva a guardà!!) si fermavono cumo i pantasimi e li devono retta cumo i monelli.

Doppu arecuminciavono a da zampate a quella buscica ‘i struttu: una vota ghjva de sopre, ‘na vota de sotto e tutti a pete de corsa, senza straccassi mai.

S’areposavono solu quanno sentivono i fistià. ‘Gni tantu provavo a dimannà a quachitunu che mi spiegassi quellu che stevono a fa, ma gniciunu mi deva retta.

A forza ‘i fa unu c’a cravatta m’ha spiegatu: “Quel pallone lo debbono mandare dentro la rete per fare goal: chi ne fa di più vince”.

E io prontu: “ cumo fanno a mannallu dentro se stanno tutti a parallu e po quellu che sta sempre rittu sotto a ‘lle paracente ‘u chiappa pure ch’e mano!”.

Nun vi dico ‘i scoppi che facevano ‘li cristiani, ma arembarzavono cumo e palle senza fassi dole. E pensà che tata pe cadessi d’u primu piru d’a scala, s’è rottu ‘na cianca e m’è toccatu a portallu all’uspitale.

A forza i zucà su e ghjo u pallone è boccatu drento a ‘na rete: ‘nvece da esse contenti si disperavono, piagnevono e buttavono ‘e biastime a quellu vestitu i neru! “Questi so matti!” penso tra me. Io battevo ‘e mano contentu che ghjellevono fatti a fa go.

Tuttu ‘nseme me si ‘vvicina un fregnu bellu grossu c’un muciu da cazzottiere e mi fa: “scusi, Lei, per chi tifa?”. “Tifa che vordì?” -penso- e pe nun fammi conosce c’atero ‘gnorante aresponno: “Tifo pe quelli ch’e mutanne nere e a magghjetta a strisce”.

Nun l’essi mai dittu; me si so buttati tutti addossu pe menammi. Ciagghjo piatu più ombrellate che nun te ne fai un’idea, arengrazianno Dio, m’è vinuta fatta da scappà via.

Se ciarepenso , ancora tremo: mo me ci fregono più a ghj a vedè a partita!!


HOME | CONTATTI | CHI SIAMO

E-MAIL: zozifra@hotmail.com

Website design by Carlo Portone © 2007-2012
Sito ottimizzato alla risoluzione di 1024x768 pixel