I RACCONTI IN DIALETTO


IN GERMANIA C’A BANNA

Giorni arreto so vinutu a sapè che a banna i Santresto co tutte e bifelesarria vita in Germania pe fa u “gemelaggiu”, cumo dicevono certi, e io nun capiscevo che volevano dì. M’è passata a smania da ghjicci pure a me, ma i fossi da zompà aterono tanti: a mogghje, u tempu e i sordi. Ma un’occasione cume quella pe vedè i tedeschiquanno mi sartia areccapitata? Cusì agghjo zompatu a mogghje, agghjo trovatu u tempu e aremegghjatu i sordi e so partitu.

Ghjo ‘pa stazione i Roma pariamo ‘na punta i pellegrini: unu c’un barile ‘i vinu lapp’a groppa e l’atri che cupellette a tracollu cumo i cani ‘i San Bernardu.

Tata che se ‘narentenneda Germania perchè c’eva fattu a guerra, c’eva ‘vertitu che là u vinu o nun c’era pe gnente o atera fattu ch’e mella e bisognava beve solu a birra.

Camminanno la ‘pe mezzu a tutti ‘li treni nun ghje la faciamu a trovà u vagone nostru, finu che si presenta un fregnu c’a scoppala roscia e cià ‘nsognatu do jamo da montà. Strada facendo cumincemo a sbudigghjà ghjo i fagottielli d’a spesa: chi teneva l’ova lesse, chi a cicoria strascinata e chi un zecchiettu ‘i panemmolle ch’i facioli arescallatu.

Magnano e bevenno simo ‘rivvati lì pe quelle parti do nun si capisceva cumo parlavono. Quanno si ferma u trenu boccono su certi fregni vestiti da sordati e ‘ncuminciono a scaugghjà là ‘ppe valigge: nun cianno trovatu che vinu e da magnà e quache strumentu sparsu ca e là.

Se ci so magnati e bevuti quasi tuttu ‘ntramentre che noi li soniamo un concertinu. So acescenti d’u trenu miriachi cumo ‘e cocuzze, camminanno a pecoroni cumo ‘e crape e strillanno “affiderzenne, affiderzenne!!”.

Doppu vent’ore, appena ‘rrivati, cianno portatu subitu a magnà: ‘na scudella ‘i scacariella d’i pupetti, dò ova connite c’u zuccuru e ‘na fette i pane neru cumo un tizzu ’i carbone.

A matina doppu pe prima cosa cianno portatu a vedè a tomba ‘i San Nonnosu, dò c’è mancatu pocu che ci meniamo ch’i tedeschi perché ‘ntignavono c’ atera u suo: ‘nvece se cell’erono fregatu tiempu arreto, aremannannoci a Santresto un ossu ‘i stincu.

A sera s’è presentatu un fregnu che a forza ‘i ciaulà emo capitu che atera un comannante d’a festa e cià portatu ghjo ‘npiazza a sonà. Doppu simo viti c’un postu che essi u ghjamavono u “Capannone del popolo”.

Senza fa ‘n’esagerazione ci saranno stati diecimila cristiani, tutti a magnà i pollastri arrostu e certi rocchioni ‘i sarciccia c’aterono quattro voti quelli nostri, e a beve a birra co certi boccali che noi ciaremmocchemo ‘e botti ghjo a cantina.

Ci simo ‘ntrufulati ‘mmezzu a ‘li tedeschi, daveru nun simo aremasi arreto. Ma u più bellu, u pezzu forte d’a festa eva ancora da vinì.

A mezzugiornu ci mettono tutti in fila, c’a cravatta, c’un callu che scoppava pure e cecare, e ‘nseme a quell’atre banne, ‘ncumincemo a sonà e marcià lapp’e strade d’u paese.

Quanno passiamo noi a gente m’ete da crede pareva matta d’a contentezza e ci batteva e mano e ci tirava i fiori. ‘Sta marcia è durata finu a le cinque ‘a sera.

All’utimu nun ciamo più u fiatu mancu pe fa a pè, u sudore ci scappava pure dall’uocchi. Fortuna che atera l’utimu giornu e che doppu simo areviti ghjo u “Capannone del popolo” arebevici quattro o cinque boccaletti (??) i birra.

Nun c’è bisognu da di che ci simo miriacati tutti.


HOME | CONTATTI | CHI SIAMO

E-MAIL: zozifra@hotmail.com

Website design by Carlo Portone © 2007-2012
Sito ottimizzato alla risoluzione di 1024x768 pixel