I RACCONTI IN DIALETTO


CAPOCCE ‘NFOCATE “DU SOLE”

Agostu u mese du reposu, u mese du sole leone, quellu sole così ‘nfocatu che ti ‘ncoce pure u cirviellu. Dico questu perchène quellu che ti capita in questi mesi d’istate, un po’ dappertuttu, nun capita in tuttu l’annu, speciarmente a Santresto cadè un paese carmu e i santorestesi un po’ ‘ngenuotti.

E’ veru, nun ci meravighjemo più di scandili che ci capitono tra capu e collu, ma pensemo solu a crearci confusione dentro a capoccia nostra e a quella dell’atri.

I bardasci pare che nun vonno da retta a quellu che un ghjornu i vecchi l’anno ‘nsegnati quanno potevono.

Quelli vecchi che ancora aremanono ‘mutiliti denanzi a queste faccenne e che ancora nun ghjelafanno a mettisi a paru co’questi munnaroli sbricativi.

I giuvinotti i oghje, dicono i vecchi, è meghjo che nun tribolono cumo emu tribulatu noi, è veru, però bisogna che co’ questa grascia ci fanno a zzicu.

Un ghjornu unu mareccontava: Evo trovatu pe strada un torzu i mellu, fratimo me la vistu e ma dittu:” Arecà, butta su torzu che atè lerciu”; e io: “No che mu vogghjo magnà”; e essu: “ Arecà, butta su torzu che sennò massera li dico a tata”; e io “No, mu vogghjo magnà” ; e essu: “Bè, allora dammene un piezzu”. Pensete a fame do atera rrivata.

Oghje mi pare che stemo a fa a fugghje cu lepre pe vedè chi rriva prima, chisà do volemo rivà; ecco perché simo ‘ngenuotti.

Questu giornalettu so diecianni che campa, nun ha fattu atru che areccommannassi da sta sbigghj e da nun dormì perché a matina, quanno ci sbigghjemo simo sempre in doi a ‘rizzacci: unu pe fregà e unatru pe aremanè fregatu.

Ha sempre vvertitu tutti, pure quelli ciafregni che u volevano brucià. Tanti l’hanno capitu, ma tanti ancora cercono da presentallu cumo un mazzettu i fogghj i carta, scrittu da quattro mocciulosi che nun sanno quellu che si fa; invece atè un giornalettu ch’è natu co tanti sacrifici pe ‘nformà tutti de cose cumo stanno, fattu da ommini che lavorono e a tiempu liberu scrivono ‘nteressannosi de questioni du paese, che spesse voti so ‘nguattate apposta.

Cumo arevè un po’ i freddu, e capocce sarefreddono, fischjono i fili e “tutti a Roma”. I santorestesi aremanono soli co e cose soi da sbrogghjà.

‘Nsomma agostu pe noi atè u mese du patimentu pe via i certi saputi che vorriono sbrogghjà solu co e balle, che so solu i pagghja, e cose nostre e cusì nun fanno atru che scapà i cristiani mettenno zizzagna chippe u paese.

NUN CI STA SORDU PIU’ SORDU I QUELLU CHE NUN CI VO SENTI’.


HOME | CONTATTI | CHI SIAMO

E-MAIL: zozifra@hotmail.com

Website design by Carlo Portone © 2007-2012
Sito ottimizzato alla risoluzione di 1024x768 pixel