I RACCONTI IN DIALETTO


GUERRA DI…… TIEMPI ARRETO

Una i queste sere, mene so vitu a dorme presto pe via che i sti tempi unu è straccu quantu un’ordegnu: un po’ perché e giornate so longhe, un po’ perché giuornu si farcia. Nun evo fattu ‘ntempu a pighjà sonnu, quanno sento un’ussa i cristiani ghjoppe Portavalle che currrevono strillanno cumo i matti.

Scegno ghjò du liettu alla sverta, mi ‘nfilo e mutanne co un paru i ciavatte e mi ‘faccio da finestra pe vedè quellu che era successu. “Stanno a menà certi frustieri!”- sento i dì – allora tocca ghj a vedè chi ci pighja, toccassi a menà pure a me!...Certo che se meno io, co ‘ste raccia stracche, ogni cazzottu atè cumo una magghjata. Nun evo vistu mai tanti cristiani messi ‘nseme, mi pareva a sera da festa da Madonna i Maggiu.

Linne a soggetta i Portavalle e madi ‘facciate che ghjamavono i fighj pe portassili via a dorme o se no, pe nun faccili pighjà. Fattusiè che mi so itu a ‘nformà cume stevono e cose.

Chi telareccontava cun modu, chi c’atru: evi da esse bravu pe capicci quache cosa. Ma tantu che stevo confabulanno bene e meghjo, ti vedo ‘massati una cinquantina i bardasci co certi bastoni ‘nmano.

Questi so matti, pighjono che bastonata lanne a capoccia a unu u ‘mazzono. Cercai da falli capì, ma vattene, parevano sordi. Possibile che ‘sti fregni so tantu grossi che pe menalli ci vonno i bastoni!

Facetimili vedè un po’, che ci penso io solu a concialli cumo u tabbaccu: se li lento una pizza io, pe ‘na prescia nun ci vengono più a Santresto. Accuantu manno ghjamatu “Viè ‘mpò cà, ecchili”…me si presentono denanzi tre bardasci belli pieni i corporatura che ci sartia volutu daveru u maghju pe menalli.

Lì pe lì aghjo quasi avutu paura, ma cume facevi a tiratti a ‘reto, ormai m’ero fattu sotto. ‘Ncumincio a dalli l’uzzicu: “Arecà che gnate cercanno a rognà? C’è chi va ratta!”.

Mancu aghjo fattu ‘ntempu a finì i dì, che m’è ‘rivatu un cazzottu ca i dienti: quasi mi svagono tutti. Perlamatoru questi cumo menono! Me laghjo braccicatu su, se nu mu levavono de mano u sfiatavo.

Sentivo i crocchià e costate a ogni ‘nsaccata che li devo. Senza contà quell’atra pistareccia che stevono a fa tutti quell’atri. ‘Nsomma pe fallla cort, quella sera era robba da mazzà quachitunu se nun si sbrigavono a ghjssene.

Quanno simo iti a stregne quellu che c’eva pighjatu più che tutti misà che atero io, che nun ne sapevo niente. Però mo, a sera, vanno ‘nfila cumo i sordati: so diventati tutti boni e bravi doppu quella confusione che hanno messu.

Solu che ste ciavarrette nostrane si lamentono un po’, nun c’hanno chi e strapazza a sera, spariamo che quachitunu ci pensa.


HOME | CONTATTI | CHI SIAMO

E-MAIL: zozifra@hotmail.com

Website design by Carlo Portone © 2007-2012
Sito ottimizzato alla risoluzione di 1024x768 pixel